chi siamo | la sabina | contattaci | FAQ | link | mappa del sito | affiliati
Itinerari turistici in Sabina nel Lazio

Itinerari turistici in Sabina (Lazio)

 

 

produttori

Trova i produttori per tipologia di prodotto e comune


Ristoranti

Dove vuoi andare a mangiare? Esegui una ricerca per comune


Tu sei qui: Home > sapori sabini > La porchetta di Selci

La porchetta di Selci

La porchetta di Selci ~ Selci in Sabina

Selci in Sabina

La porchetta di Selci ~ Prodotti tipici in Sabina

Prodotti tipici in Sabina

Selci è uno dei paesi della provincia di Rieti rinomato per la sua prelibata porchetta. Qui si celebra annualmente la sagra che richiama molti estimatori e golosi i quali, oltre a gustare la porchetta, ammirano le bellezze del grazioso paese che ha celebrato il millennio di fondazione.

Dopo aver completamente disossato il maiale in tutte le sue parti: scapola, femore, costole ecc., si procede a condirlo all'interno con peperoncino, sale, pepe, spicchi di aglio interi schiacciati e rosmarino. I prosciutti e le spalle si condiscono solo con sale e peperoncino per evitare che il pepe faccia diventare scura la carne.

Successivamente si passa alla ricucitura del maiale e, prima di introdurre all'interno di esso il palo che lo sorreggerà durante la cottura, si ricuciono i prosciutti, le spalle e la parte dove è stata tolta la spina dorsale.

Si introduce quindi un palo di legno di castagno facendolo passare dentro al maiale quindi, con lo spago, lo si avvolge..

Una volta cucito e prima di metterlo al forno, si procede alla lavatura del maiale. Si buca quindi la cotica qua e là per far sì che durante la cottura il grasso sgrondi. Si pulisce poi il forno mettendo in un angolo di esso la brace coperta dalla cenere e vi si introduce il maiale che, tramite il palo, viene sorretto su appositi supporti. Si fa colorire il maiale da tutte le parti e quando esso ha preso dappertutto un bel colore uniforme, inizia la cottura vera e propria.

Il maiale viene girato su se stesso a distanza di un'ora e lasciato ogni volta a cuocere su di un lato. Infine, con la pancia rivolta verso il basso, si lascia completare la cottura che varia a seconda del peso del maiale. Dopo circa quattro ore “si guarda” per verificare l'esatto punto di cottura.

Tagliare a pezzi di sei-sette centimetri le spuntature di maiale o costarelle, salarle, peparle e cuocerle allo spiedo o in graticola o al forno con patate.

Ristoranti

  1. La Vecchia Quercia (Ristorante tipico in Sabina) - Selci in Sabina
Case vacanze - Relax in Sabina

Realizzazione Sito Web ~ CLIC - Consulenze per il Web Marketing

Siti Web primi sui motori di ricerca ~ a cura di A. Argentati - Consulenze aziendali per Internet

 

 

 

Case vacanza, Agriturismi, bed & breakfast in Sabina Case vacanze, Agriturismi, bed & breakfast in Sabina nel Lazio
Versione italiana   Vai alla versione inglese del sito